Cessione crediti da interventi in condomini nel 2018: nuovo portale web

Online il nuovo portale per monitorare la cessione del credito derivante da interventi sulle parti comuni dei condomini avvenuti nel 2018.

Al centro del dibattito nel mondo dei serramenti oggi si ha un tema fondamentale: i crediti derivanti dagli incentivi fiscali. Si discute di quale sia la percentuale più adatta per la detrazione, di quante volte possa avvenirne la cessione, di come debbano essere stornati al consumatore finale (leggi il comunicato stampa ANFIT sul NO allo sconto diretto in fattura dell’Ecobonus) e di come sfruttare questo strumento economicamente molto vantaggioso per per migliorare la scadente qualità media del parco condomini italiano.

 

Tra tutte queste complicate vicende l’Agenzia delle Entrate ha dato un segnale positivo, fornendo un nuovo servizio al cittadino. Si tratta della messa in rete di una piattaforma web attraverso cui chi ne ha diritto può monitorare le operazioni di cessione del credito legate a Ecobonus e/o Sismabonus derivanti da interventi svolti nelle parti dei condomini nel 2018.

La pagina, facente parte del sito dell’Agenzia delle Entrate, si intitola “Piattaforma cessione crediti” ed è raggiungibile previa autenticazione da parte degli utenti. I crediti poi risultano visibli sotto la voce “Cassetto Fiscale” e possono essere utilizzati in compensazione nel modello F24 indicando i codici tributo 6890 per l’Ecobonus e 6891 per il Sisma bonus, secon do le istruzioni definite nella risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n.58/E del 25 Luglio 2018.Attraverso tale strumento è possibile accettare o rifiutare le cessioni dei crediti comunicate all’Agenzia delle Entrate dagli amministratori, nonché comunicare le eventuali ulteriori cessioni dei crediti derivanti dal lavori eseguiti nel 2017, già trasmessi dagli amministratori lo scorso anno all’Agenzia.

 

Per rendere facilmente utilizzabile questo nuovo strumento l’Agenzia ha messo a disposizione degli utenti un manuale (clicca qui per consultarlo) che ne illustra passo passo le procedure. All’interno di tale documento vengono chiariti alcuni importanti aspetti come il fatto che accettazione e rifiuto della cessione non possono essere parziali, che sono irreversibili e che i tempi di rimborso dei due bonus è differente: 10 anni per l’Ecobonus e 5 per il Sisma bonus.

 

Va infine ricordato che, attualmente, questo strumento è utilizzabile solo in relazione a crediti derivanti da lavori svolti su parti comuni dei condomini e che quindi non consente di monitore lo stato di avanzamento della cessione dei crediti derivanti da lavori su singole abitazioni.

Seguici su

 

QUALITY
ANFIT
LABEL
ENERGETICO
POLIZZA
ASSICURATIVA