Qualità Made in Italy: parola di INFINITO Serramenti in PVC

Disteso ai piedi della rocca del Duecento. Un massiccio corpo di fabbrica, con doppia cinta muraria e torre merlata. Noto per la “Linea Gotica”, un museo diffuso che si snoda per 23 km tra borghi e boschi dove il pregio ambientale si sposa a quello storico-artistico. Siamo a Montese, oltre 800 metri di altitudine, 3.400 abitanti in provincia di Modena. Ed è qui che nel 2010 nasce Infinito Srl, produttore di infissi in PVC targati Kömmerling. Qualità Made in Italy.

Fattori vincenti

Quai i punti di forza della sua azienda?

“Gliene elenco tre – ci dice Maurizio Maldini, amministratore unico dell’azienda emiliana -.  L’accurato servizio pre e post vendita che offriamo al cliente, al centro della nostra mission aziendale, in un rapporto che va ben oltre il fine cantiere & fattura pagata”.

E gli altri due?

“La qualità che caratterizza l’intera filiera del prodotto, della eccellenza dei profili in PVC Kömmerling impiegati alla loro progettazione, fino alla posa in opera, fatta da posatori interni qualificati. Una qualità tutta Made in Italy – altro punto di forza -, prodotti ad alto contenuto tecnico-prestazionale e di elevata valenza estetica. Come certifica la nostra adesione ad ANFIT, associazione che promuove le finestre di qualità pensate, progettate e realizzate interamente in Italia da aziende italiane”.

Mercato double face 

Mercato del serramento in PVC. Quali criticità?

“I prodotti di importazione dall’Est Europa, a basso prezzo e di scarsa qualità. Con una novità: mentre agli inizi il serramento low cost era commercializzato dalle rivendite, il concorrente con cui dovevamo battagliare, oggi sono gli stessi produttori a vendere direttamente al cliente finale, curando anche la posa. Con una concorrenzialità ancora più spietata. La spiegazione la danno i numeri. Il prodotto finito viene a costare il 50% in meno di quello costruito da noi; e la posa costa addirittura un decimo di quella realizzata con i nostri posatori qualificati”.

Ma la qualità, alla fine, dovrebbe pagare…

“Indubbiamente. Noi vendiamo per il 40% ai privati, mentre il restante 60% è ripartito in parti uguali tra rivendite e imprese. Dopo la “seduzione” del prezzo basso delle origini, il cliente si è fatto più accorto, anche perché deluso da esperienze negative. Entra da noi e sa quel che vuole. È informato, Cerca un prodotto di qualità, consapevole che la qualità ha un prezzo”.

I motivi di una scelta

Perché la scelta del PVC?

“Andiamo con ordine. Una quindicina di anni fa non avrei mai pensato di installare a casa mia serramenti in PVC. Poi, molto è cambiato. E qui entra in ballo una storia di famiglia. Mio padre Marcellino, falegname, già nei primi anni Ottanta iniziò a vendere, con molta perplessità, il PVC, materiale complementare al prodotto principale in legno. Nel decennio successivo, poi, vista la crescente richiesta e forte anche del fatto che i primi clienti ritornavano a chiedere nuovi infissi in PVC, diventa prodotto di punta fino alla chiusura della falegnameria”.

Una sorta di marketing del buon senso…

“Sottoscrivo. Così, dal 2010, solo infissi in PVC; ad eccezione di alcuni sistemi oscuranti in alluminio. Poi, l’azienda si sviluppò ulteriormente, aumentando il numero di dipendenti e investendo molto in tecnologia. Pur rimanendo nell’area delle piccole imprese, divenne, come si dice oggi, un’azienda strutturata, senza dimenticare il sapere artigianale delle origini, tuttora bene presente nella moderna produzione”.

E come siete arrivati a Profine?

“Molto semplice. Guardandoci intorno, abbiamo scelto i profili Kömmerling. Una scelta dettata dall’ampia gamma di offerta disponibile, basata sull’ottima qualità della materia prima, sulla varietà tipologica delle forme, sulla robustezza e stabilità negli anni dei profili. Senza trascurare la comodità di avere un estrusore a poco più di 130 km da casa nostra”.

Insomma, PVC a km zero…

“Mettiamola così. Con tutti i vantaggi in termini anche di servizio tipici della politica di Kömmerling, che considera il cliente un autentico partner con cui lavorare assieme”.

Quali i profili più utilizzati?

“l’intera gamma Kömmerling. Da un po’ di tempo stiamo proponendo con soddisfazione tutta la linea da 76 mm, nelle versioni a battente, scorrevole e alzante scorrevole. Una linea caratterizzata da prestazioni al top in fatto di isolamento termo-acustico, oltre che dagli ingombri ridotti di vista frontale dei profili che consentono di lasciar passare una maggior quantità di luce. In linea con le moderne esigenze dell’ambiente”.

 

Dalla rivista Nuova Finestra

 

Seguici su

QUALITY
ANFIT
LABEL
ENERGETICO
POLIZZA
ASSICURATIVA