SOA: no per le categorie specializzate per lavori sotto i 150mila euro

Categorie specializzate, ok ai requisiti semplificati per i lavori a qualificazione obbligatoria sotto i 150mila euro

Con la sentenza n.859 del 17 settembre 2018, il Tar della Lombardia – sezione di Brescia – ha affermato che anche le categorie specializzate (e non quelle superspecializzate) possono beneficiare della disciplina di favore che prevede la possibilità di dimostrare la capacità di eseguire lavori al di sotto della soglia di 150mila euro senza ricorrere all’attestazione SOA, ma attingendo ai requisiti semplificati di capacità tecnica descritti dall’art. 90 comma 1 del DPR 207/2010 (lavori analoghi, costo del personale, attrezzature adeguate).

“Occorre premettere – si legge nella suddetta sentenza – che le categorie scorporabili a qualificazione obbligatoria si suddividono in due gruppi:

  1. specializzate, generalmente con l’acronimo OG e in alcuni casi OS;
  2. superspecializzate, generalmente con l’acronimo OS, oltre a OG11.

Al di sopra della soglia di 150mila euro (v.art. 108 comma 3 del DPR 207/2010) le categorie superspecializzate esigono l’attestazione SOA in capo all’appaltatore , e il subappalto non può superare il 30% dell’importo (v. art. 105 comme 5 del Dlgs. 50/2016). Per le categorie specializzate, invece, la qualificazione può essere sostituita dal subappalto, purchè l’importo della categoria scorporabile di cui non si possiede la qualificazione sia compreso nella classifica della categoria prevalente (v. art. 12 comma 2-b del DL 47/2014; art. 92 comma 1 del DPR 207/2010).

Al di sotto della soglia di 150mila euro è prevista (v. art. 92 comme 7 del DPR 207/2010) la possibilità di eseguire i lavori delle categorie superspecializzate senza l’attestazione SOA, quando sussistano i requisiti semplificati di capacità tecnica descritti dall’art. 90 comma 1 del DPR 207/2010 (lavori analoghi, costo del personale, attrezzature adeguate)”

Secondo il Tar Brescia “si deve ritenere che dalla medesima disciplina di favore possano beneficiare a maggior ragione le categorie specializzate. Non sarebbe infatti ragionevole ipotizzare che, da sopra soglia a sotto soglia, l’ordinamento preveda un salto tra il massimo rigore e la massima semplificazione proprio per le categorie superspecializzate, che sono quelle più bisognose di controlli a causa della rilevante complessità tecnica, e mantenga invece fermi in posizione intermedia i requisiti delle categorie specializzate, che hanno un grado di complessità tecnica inferiore.

Un indizio formale in questo senso è contenuto nella parte finale dell’art. 12 comma 2-b del DL 47/2014, che, pur essendo riferito alla categorie specializzate, dichiara applicabile l’art. 92 comma 7 del DPR 207/2010, relativo alle categorie superspecializzate. La norma non è formulata in modo del tutto chiaro, perché contiene anche un riferimento al comma 1 dell’art. 12 del DL 47/2014, riguardante le categorie superspecializzate. Tuttavia, non sarebbe utile precisare che l’art. 92 comma 7 del DPR 207/2010 si applica alle categorie superspecializzate, trattandosi appunto di una norma scritta per tali categorie.Si deve invece ritenere che per il legislatore questa norma rappresenti uno strumento di carattere generale per superare la rigidità della qualificazione quando i lavori rimangono sotto soglia”.

Per il Tar Lombardia ” non vi sono argomenti sistematici che contraddicano questa ricostruzione. È vero che per le categorie specializzate l’attestazione SOA può essere sostituita, sopra e sotto soglia, dal subappalto delle lavorazioni, ma di questa facoltà non si può fare un perno interpretativo per sostenere che i requisiti semplificati di capacità tecnica pareggerebbero per le categorie superspecializzate la funzione del subappalto nelle categorie specializzate. Da un lato, infatti, il subappalto è principalmente un aggravio per i singoli concorrenti, sia in termini organizzativi, sia per la sottrazione di una parte del fatturato della gara, e dunque non può essere considerato equivalente alla facoltà di sfruttare da soli la capacità tecnica maturata in proprio. Dall’altro, non vi è alcun interesse pubblico a favorire, sotto soglia, le imprese che lavorano nelle categorie superspecializzate rispetto a quelle che lavorano nelle categorie specializzate”.

La sentenza che precisa che “la soglia di 150mila euro è riferita alle singole categorie scorporabili, e non all’intero valore dell’appalto (in questo senso sembra chiaro l’art. 12 comma 2-b del DL 47/2014)”.

In conclusione, ” nel caso della categoria OG10 (specializzata ma non superspecializzata) la richiesta del ricorrente di sostituire l’attestazione SOA mancante non con il subappalto ma con i requisiti semplificati ex art. 90 comma 1 del DPR 207/2010 si deve ritenere fondata”.

 

Da Casa&Clima.

QUALITY
ANFIT
LABEL
ENERGETICO
POLIZZA
ASSICURATIVA