Invio dati ristrutturazioni 2018: scadenza prorogata dall’ENEA

La data ultima per trasmettere all’ENEA i dati relativi alle ristrutturazioni avvenute nel 2018 è prorogata dal 20/02/2019 al 01/04/2019.

In questi giorni l’ENEA, Ente per le Nuove tecnologie, l’Energia e l’Ambiente, ha dato una importante comunicazione ai propri utenti: la scadenza fissata in precedenza al 20/02/2019 per trasmettere i dati che caratterizzano interventi coperti da Bonus Casa (strumento riconfermato anche per il 2019) è stata prorogata al 01/04/2019.

In quest’ambito rientrano interventi di risparmio energetico e/o utilizzo delle fonti rinnovabili di energia meritevoli delle detrazioni fiscali del 50% stabilite dall’ ex art. 16 bis del DPR 917/86.

Lo strumento da utilizzare a tale scopo rimane il portale web ristrutturazioni2018.enea.it e gli interventi interessati, tra cui rientra la sostituzione dei serramenti, sono quelli brevemente riassunti di seguito:

  • Strutture edilizie:
  1. Riduzione della trasmittanza delle pareti verticali che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno, dai vani freddi e dal terreno;
  2. Riduzione delle trasmittanze delle strutture opache orizzontali e inclinate (coperture) che delimitano gli ambienti riscaldati dall’interno e dai vani freddi;
  3. Riduzione della trasmittanza termica dei pavimenti che delimitano gli ambienti riscaldati dall’interno e dai vani freddi.

 

  • Infissi
  1. Riduzione della trasmittanza dei serramenti comprensivi di infissi che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno e dai vani freddi.

 

  • Impianti tecnologici:
  1. Installazione di collettori solari per la produzione di acqua calda sanitaria e/o il riscaldamento di ambienti;
  2. Sostituzione di generatori di calore con caldaie a condensazione per il riscaldamento degli ambienti o per la sola produzione di acqua calda per pluralità di utenze ed eventuale adeguamento dell’impianto;
  3. Sostituzione di generatori con generatori di calore ad aria a condensazione ed eventuale aumento dell’impianto;
  4. Pompe di calore per la climatizzazione degli ambienti ed eventuale adeguamento dell’impianto;
  5. Sistemi ibridi ed eventuale adeguamento dell’impianto;
  6.  Micro-generatori;
  7.  Scalda acqua a pompa di calore;
  8.  Generatori di calore a biomassa;
  9.  Installazione di sistemi di contabilizzazione del calore negli impianti centralizzati per una pluralità di utenze;
  10.  Installazione di sistemi di termoregolazione e building automation;
  11.  Installazione di impianti fotovoltaici.

 

  • Elettrodomestici, solo se collegati ad un intervento di recupero del patrimonio edilizio iniziato a decorrere dal 01/01/2017 per le spese sostenute nel 2018 o dal 01/01/2018 per le spese sostenute nel 2019:
  1.  Forni
  2.  Frigoriferi;
  3.  Lavastoviglie;
  4.  Piani cottura elettrici;
  5.  Lavasciuga;
  6.  Lavatrici;
  7.  Asciugatrici.

 

Il fatto che la scadenza sia stata prorogata al 01/04/2019 costituisce un’importante opportunità per chi, pur avendone diritto, non avesse ancora richiesto l’accesso all’incentivazione. D’altra parte, se queste nuove tempistiche non verranno rispettate, si perderà definitivamente la possibilità di accedere agli sgravi.

 

Seguici su

 

QUALITY
ANFIT
LABEL
ENERGETICO
POLIZZA
ASSICURATIVA